Mondiali di calcio in Russia, sport e speculazione immobiliare - 30/04/2018

Scritto da alex on . Postato in Blog

Il paese si prepara ad ospitare uno degli eventi sportivi più seguiti a livello globale


                                                                         

Un recente studio della società internazionale di consulenze McKinsey ha stabilito che a fronte degli investimenti mostruosi effettuati nel quinquennio appena trascorso in particolare in opere infrastrutturali (logistica e trasporti), impianti sportivi e rassettamento di strade e aree di verde pubblico, la conduzione dei campionati del mondo di calcio potrebbe portare alla Federazione Russa introiti pari a circa 820 miliardi di rubli (circa 11 miliardi di euro), con conseguente incremento dell'1% del PIL del paese.

L'ente turistico federale Rosturizm prevede un afflusso di visitatori stranieri ricompreso tra 1-2 milioni di persone, il che, stando alle aspettative, dovrebbe generare nell'anno in corso circa 80-110 miliardi di rubli (tra 1 - 1,5 miliardo di euro), con ulteriori 40-70 miliardi di rubli nei 5 anni a seguire.
I flussi di turisti dall'estero nelle regioni che ospiteranno le partite in programma nell'ambito della manifestazione registreranno un aumento del 14-18%, mentre il turismo interno fino al 25%.

Per gli alberghi ciò si potrebbe tradurre in un incremento di fatturato fino al 40% per strutture a 4 o 5 stelle, e fino al 15% per strutture di categoria inferiore.

Anche per il settore della ristorazione l'evento è destinato ad avere un effetto positivo, che si dovrebbe tradurre - secondo gli addetti ai lavori - in incassi maggiorati anche del 30%. Inoltre l'onda lunga dell'organizzazione di una manifestazione di tale portata, secondo McKinsey, garantirà per i prossimi 5 anni la creazione o il mantenimento di 140.000-200.000 posti di lavoro, e come conseguenza introiti per l'Erario federale quantificabili in 20-30 miliardi di rubli sotto forma di tasse sugli stipendi.

Opportunità e speculazione

Indubbiamente dunque eventi sportivi come quello che si terrà in Russia tra il 14 giugno ed il 15 luglio sono sempre un "toccasana" per l'economia del paese ospitante e garantiscono introiti supplementari tanto nelle tasche della popolazione locale che nelle casse dello stato.

Da un altro punto di vista però questo genere di manifestazioni puntualmente fanno da sfondo a speculazioni spropositate sia da parte delle strutture alberghiere che dei privati.

Diversi organi d'informazione russi hanno cercato di raccogliere dati statistici relativi ai prezzi medi richiesti dai proprietari per l'affitto di appartamenti nel periodo dei Mondiali nelle 11 città che ospiteranno le partite.

Nonostante le "raccomandazioni" del sopracitato Rosturizm che ha pubblicato un vademecum per i privati intenzionati ad affittare ai tifosi i loro appartamenti invitandoli ad applicare dei sovrapprezzi ragionevoli (che secondo l'ente nazionale dovrebbero essere"non più del doppio o triplo delle quotazioni dell'immobile in periodi di minor richiesta"), soprattutto nei capoluoghi regionali la stragrande maggioranza delle cifre esposte nelle inserzioni rasentano realmente il ridicolo e vien da chiedersi in che percentuale dette proposte siano destinate a trovare effettiva collocazione sul mercato.

Complessivamente l'offerta di appartamenti disponibili per affitti giornalieri o di breve durata per quel periodo nelle 11 città-ospiti è aumentata di circa 10.000 unità (di cui circa un terzo nella sola capitale e 2.000 "nuove" proposte a San Pietroburgo), letteralmente raddoppiando in località come Saransk, Volgograd, Kaliningrad e altre, dove l'offerta alberghiera è più limitata ed è risultata insufficiente. Nella maggior parte dei casi si tratta di abitazioni che in precedenza non venivano affittate.

A titolo informativo riportiamo qui di seguito una tabella riassuntiva redatta dal portale immobiliare russo CIAN sulla base dei dati raccolti su un campione di 16.000 unità abitative attraverso i principali siti di prenotazione internazionali.

Tabella: Prezzi medi per gli affitti giornalieri nelle città dove si terranno le partite del primo turno per il periodo dal 15.06.2018 al 22.06.2018. Suddivisione per tipologie e metrature degli appartementi
I prezzi sono espressi in RUB/giorno. Tasso di cambio ufficiale alla data odierna (30/04/2018): 1 EUR = 75,20 RUB



Fonte: centro di analisi statistiche del portale immobiliare CIAN

Come si può notare le richieste di prezzo più esose si registrano nelle città di Saransk e Rostov-sul-Don, le quali tradizionalmente non sono centri a forte vocazione turistica e dove le poche strutture ricettive di livello accettabile sono state prenotate in blocco già molto tempo fa per ospitare delegazioni ufficiali delle nazionali partecipanti al torneo.

Paradossalmente invece a San Pietroburgo e a Sochi (le tradizionali "regine" del turismo russo), la maggior parte dei proprietari ha cercato invece di tenersi "con i piedi per terra", anche perché in entrambi questi casi la concorrenza è più numerosa e sono presenti, oltre a moltissime strutture ricettive tradizionali ed appartamenti privati, anche una gran quantità di ostelli ed altre strutture "low cost".

Per quanto riguarda Mosca, tradizionalmente nella capitale le quotazioni degli immobili sono significativamente più elevate rispetto al resto del paese, ma anche qui il ventaglio di prezzi - aldilà delle medie indicate nella tabella - è piuttosto ampio, quindi è realistico trovare soluzioni anche a prezzi nettamente più accessibili, soprattutto se ci si sposta fuori dal centro e dai quartieri più ambiti. Basti pensare che nel medesimo periodo di riferimento, sempre stando ai dati resi noti dal portale CIAN, il prezzo medio complessivo per appartamenti siti nel centro di Mosca dovrebbe assestarsi intorno a 78.000 RUB/giorno, mentre per proposte site fuori dal centro si ridurrebbe a meno della metà (ca.33.500 RUB/giorno).

Ad ogni modo evidentemente non tutti i tifosi sono disposti ad esborsi di questa entità per seguire la propria nazionale in Russia nelle settimane dei campionati mondiali di calcio. E' plausibile che proprio la percezione dei prezzi eccessivamente "gonfiati" applicati dai privati abbia indotto una buona fetta di turisti stranieri - sulla base dei dati resi noti da operatori turistici locali - ad optare per la sistemazione in ostelli (21%), mentre solo l'11% ha comunque deciso di soggiornare in case private. Nelle strutture ricettive di tipo "tradizionale" alloggerà circa il 68% dei visitatori, dato che comunque risulta nettamente inferiore alla media di altri periodi, quando questa percentuale rasenta il 93% della domanda complessiva..

 

 

Alessandro Alessio
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vademecum sull'affitto di appartamenti in Russia - 29/04/2018

Scritto da alex on . Postato in Blog



Come cercare di tutelarsi dalle truffe più diffuse e non incappare in "brutte sorprese"

Il settore immobiliare, com'è noto, ovunque e da sempre è palcoscenico di tentativi di truffe perpetrati da impostori recidivi o semplici "furboni" improvvisati ingolositi dalle prospettive di rapidi guadagni a scapito dei malcapitati di turno che spesso cadono nella trappola per buona fede o ingenuità.

Qui di seguito analizziamo in breve alcune delle forme di truffa più diffuse sul mercato russo per quanto concerne gli affitti di appartamenti.

Vendita di presunte "banche dati immobiliari" o fornitura di "servizi informativi"

Questo genere di truffa era molto diffusa fino a qualche anno fa e spesso trovava un "bersaglio naturale" involontario in persone appena trasferitesi nelle grandi città per lavoro o per motivi di studio, le quali, non conoscendo bene il mercato locale e trovandosi in una certa urgenza per cercare di risolvere il problema abitativo, si lasciavano abbindolare da pubblicità di appartamenti a prezzi particolarmente appetibili e palesemente al di sotto delle medie locali.

Gli inserzionisti di turno erano di solito società "specializzate" che, scusatesi per il fatto che l'appartamento in questione non fosse più disponibile, proponevano in modo molto cordiale un incontro in agenzia per proporre altre opzioni. Nel corso dell'incontro presso gli uffici dell'agenzia (che spesso era rappresentato da un'unico stanzino dove in apparenza lavorava uno staff di massimo 3-4 persone), quest'ultima proponeva al cliente l'acquisto di una "banca dati" comprendente indirizzi e numeri di telefono dei proprietari di alcune opzioni di appartamenti che sembravano perfetti per il cliente sia in termini di caratteristiche, ubicazione ed esigenze di budget. In apparenza la proposta pareva appetibile in quanto il costo richiesto era nettamente inferiore alla provvigione normalmente applicata dagli agenti immobiliari ed anche perché le condizioni di prezzo degli appartamenti presenti nella lista erano più convenienti di quelle di mercato.

Firmato il contratto di "fornitura di servizi informativi", il cliente - a fronte del pagamento di una somma che poteva variare di norma dai 3.000 - 5.000 rubli - si trovava tra le mani una semplice lista con le presunte coordinate di alcuni appartamenti in linea con le sue esigenze ed i contatti dei rispettivi proprietari.
Fatto sta che, com'è lecito supporre, quando il cliente cercava di contattare i nomi della lista e verificare l'attualità delle opzioni elencatevi, si sentiva rispondere che l'appartamento di turno non era in affitto, oppure che non esisteva affatto, o ancora i numeri di telefono risultavano inesistenti o staccati.

Una volta tornato nell'ufficio della sedicente "agenzia" per ottenere giustizia, al cliente veniva risposto che come da contratto sottoscritto da quest'ultimo i servizi informativi previsti (consistenti nella trasmissione di dati relativi ad appartamenti in affitto) erano stati debitamente prestati, e che quindi l'agenzia aveva pienamente espletato i suoi impegni contrattuali. A volte, con le buone o con le cattive ad alcuni clienti riusciva di farsi restituire i soldi, ma quasi sempre i malcapitati erano costretti ad andarsene con le pive nel sacco.

Nella maggior parte dei casi, nonostante le numerose segnalazioni agli organi competenti da parte di clienti "fregati", questo genere di ditte continuavano ad operare indisturbate per molto tempo anche perché i contratti fatti sottoscrivere agli sventurati di turno effettivamente erano predisposti in modo tale da non lasciare molti appigli per rivalersi dei questi impostori.

Sebbene oggi questo "fenomeno" presenti dimensioni meno salienti rispetto a 5-10 anni fa, cionondimeno  grazie al continuo afflusso in città di nuovi clienti ignari (provenienti soprattutto dalle altre regioni del paese), in metropoli quali Mosca e San Pietroburgo queste situazioni sono tuttora piuttosto diffuse.

In questi casi quello che si può consigliare è di non accettare mai richieste di pagamento anticipato per la prestazione di servizi "informativi" o di "selezione" concernenti l'affitto di appartamenti o camere che non diano garanzie di risultato.

 

Proprietario in "trasferta"

Questo schema purtroppo è ancora molto diffuso e per conseguire i loro propositi truffaldini spesso questi furboni utilizzano i canali che tradizionalmente gli utenti impiegano per la ricerca di appartamenti, tra cui i portali immobiliari più famosi ed a maggior visibilità.

Di norma anche in questo caso i prezzi indicati nelle inserzioni risultano inferiori a quanto sarebbe lecito attendersi se li si confronta ad esempio con le foto allegate nella pubblicità dell'immobile. Tuttavia la convenienza di prezzo, sebbene evidente agli occhi degli agenti immobiliari professionali, non è tale da rendere la proposta assolutamente inconcepibile: come dire che anziché venir proposto al suo plausibile valore di mercato l'appartamento presenta un prezzo ribassato del 10-15%.

Quando un eventuale interessato telefona all'inserzionista gli viene confermato che l'appartamento è assolutamente reale e descritto con dovizia di particolari credibili. Nel momento in cui però si chiede al sedicente proprietario di poter visionare l'appartamento dal vivo, quest'ultimo - adducendo il fatto di non risiedere in città e di dover venire apposta per mostrare l'immobile, facendosi quindi carico di costi di trasporto e lauto dispendio di tempo - pretende il pagamento di una "cauzione" (che anche qui di solito ammonta ad alcune migliaia di rubli) come conferma dell'interesse reale del potenziale inquilino.

Siccome il pagamento viene richiesto anticipatamente (e dev'essere effettuato su carta) e non in loco, è chiaro che se il cliente è disposto ad accettare questa richiesta, nella quasi totalità dei casi può stare certo che non rivedrà più né la somma versata, né tantomeno il fatidico appartamento.

Interessante notare come spesso questi truffatori (che ovviamente non sono i veri proprietari) utilizzino le medesime foto per appartamenti che su siti diversi vanno ad "identificare" appartamenti siti in città diverse.

Non è dato sapere (e poco importa, in fin dei conti) a quale appartamento "reale" facciano riferimento le foto utilizzate nelle inserzioni.

Anche in questo caso il consiglio che si può dare è di non accettare mai di pagare anticipatamente per qualcosa per cui non si sono preventivamente effettuate le dovute verifiche (sia sull'immobile che sulla persona che lo propone) e di non farsi abbindolare da proposte "palesemente troppo convenienti" per essere vere.

Affitto non autorizzato con conseguenti rischi per l'inquilino

Vi sono casi in cui la persona che propone l'appartamento a tutti gli effetti non ha diritto a disporne liberamente come vorrebbe far credere.

Bisogna sempre tener presente che, anche laddove una persona sia in possesso delle chiavi dell'immobile, ciò non significa automaticamente che sia autorizzata o che secondo la legge abbia diritto di perfezionare transazioni con l'immobile.

Nella prassi anche laddove un parente stretto venga incaricato dal legittimo proprietario ad affittare un appartamento ed occuparsi in prima persona della gestione dei rapporti con l'inquilino, è bene richiedere la presentazione di una procura notarile il cui testo confermi queste ipotesi e verificare, tra le altre cose, anche la durata e validità della stessa.

In altri casi può succedere che ad un inquilino che voglia/debba assentarsi per periodi prolungati venga in mente di cedere in subaffitto l'appartamento dove risiede, magari all'insaputa del proprietario. Il subaffitto di per sé non è vietato dalla legge, ma perché lo stesso risulti autorizzato dovrebbe essere previsto dal contratto d'affitto iniziale, ed a volte a questo fine si prevede l'obbligo del previo ottenimento del consenso del locatore.

Situazioni di questo genere dove non si sia provveduto ad accertarsi preventivamente di tutti questi aspetti possono portare a conseguenze sgradevoli, tra cui anche sfratti inaspettati o "senza preavviso" a seguito della presa di possesso e dell'insediamente nell'immobile.

Come cercare di tutelarsi al meglio?

Per quanto sia un corollario che può sembrare banale si consiglia di partire sempre dal presupposto che "fidarsi è bene, ma non fidarsi è meglio".

In questo senso, chiunque sia la controparte (compresi conoscenti, amici di amici, ecc.), per limitare il rischio di brutte sorprese in futuro non fatevi scrupoli a richiedere documentazione sull'appartamento e sul locatore (o chi lo rappresenta in forza di procura) che vi permettano di accertarvi che chi vi sta innanzi abbia effettivamente titolo di disporre pienamente dell'immobile.

Normalmente gli agenti immobiliari professionali hanno la possibilità di effettuare delle verifiche incrociate attingendo ai dati risultanti dall'Ufficio del Registro unico statale. In questo senso farsi assistere da un professionista può risultare determinante non solo nella fase preliminare ma anche e soprattutto nella redazione di un contratto di locazione che tuteli al meglio i propri interessi. 

Alessandro Alessio
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Panoramica del mercato immobiliare nel 2017 e previsioni per i prossimi mesi - 05/11/2017

Scritto da alex on . Postato in Blog

Tendenze incoraggianti per investitori e aziende nella "nuova realtà" del mercato immobiliare


 

Rispetto ai primi mesi dall'inizio della crisi in cui la Russia è scivolata verso metà 2014, questo 2017 che volge al termine da certi punti di vista lascia presagire alcune tendenze confortanti.

Indubbiamente negli ultimi anni si è assistito alla "fuga" di un gran numero di specialisti stranieri (diventati un costo eccessivo ed in certi casi ingiustificato per le rispettive società, che ora preferiscono puntare su manager russi) e molte realtà sia locali che non hanno chiuso i battenti. Tuttavia chi è rimasto nella maggior parte dei casi è riuscito a rafforzare le proprie posizioni conquistando fette di mercato lasciate orfane dai concorrenti deficitari.

In alcuni ambiti poi operatori che fino ad oggi consideravano lo "sbarco in Russia" troppo esoso ed arrischiato sembrano ora aver preso coraggio e paiono intenzionati a cogliere l'occasione per entrare su questo mercato che rappresenta comunque uno sbocco ad un bacino d'utenza potenziale da circa 150 milioni di persone.

La quasi totalità delle aziende che operano da molti anni nel paese e che si attengono a strategie a lungo termine, dopo un biennio complicato, nel corso del 2017 hanno ricominciato a registrare risultati incoraggianti che, seppur ancora lontani da quelli dei "tempi d'oro", comunque rappresentano una buona base per continuare a lavorare e magari per pianificare pure un'espansione.

Sono soprattutto queste le realtà imprenditoriali che non a caso proprio in questa fase tendono ad investire maggiormente, chi in immobili strumentali all'attività (uffici, show-room, altri), chi in stabilimenti produttivi, a seconda del settore di riferimento.

E' importante rilevare inoltre come buona parte dei russi si siano finalmente resi conto che quella attuale non è una "crisi di passaggio", bensì - come già più volte affermato anche da personaggi di primo piano del panorama finanziario e bancario locale - una vera e propria "nuova realtà" che coincide con l'ingresso del paese in un nuovo ciclo macroeconomico, destinato a protrarsi quasi sicuramente per diversi anni.

L'accettazione di questa definizione non ha valenza solo dialettica o astratta, ma fa una differenza sostanziale se si ragiona in termini di prospettive del mercato immobiliare nei prossimi mesi.

In questo senso cerchiamo qui di seguito di capire come alcune tendenze di questa "nuova realtà" si sono riflesse (o si potranno riflettere), direttamente od indirettamente, sul settore immobiliare in Russia:




Conseguenze negative


Conseguenze positive


Crisi economica

 

  • Incertezza sui mercati con approccio più cauto da parte degli investitori che hanno preferito (soprattutto nei primi mesi) adottare una strategia attendistica per capire che direzione avrebbe preso la situazione.


 

  • Per citare una celebre massima: non bisognerebbe mai far passare una bella crisi senza cercare di approfittarne ("Never let a good crisis go to waste" - W.Churchill)


Oscillazioni valutarie

 

  • Sconvolgimenti finanziari per tutte le aziende ed i privati che avevano contratto mutui o finanziamenti indicizzati in valuta straniera.

  • Complicazioni per gli operatori dediti alle importazioni nel riuscire a trovare politiche di prezzo che permettessero di mantenere livelli di vendite accettabili a fronte di margini operativi sempre più risicati.

 

  • Opportunità eccezionale per gli investitori con capitale di partenza in valuta, i quali hanno visto quasi raddoppiare il controvalore in rubli dei propri fondi.

  • Alcuni operatori stranieri optano per la delocalizzazione della produzione in Russia in modo da poter restare competitivi nei prezzi ed evitare il rischio legato a fluttuazioni repentine sui mercati valutari.


Riduzione del potere d'acquisto della popolazione

 

  • Molte più persone rispetto al passato hanno cominciato a cercare di limitare al minimo le spese "extra" (per beni o servizi considerati non di primaria necessità), il che ha portato ad un notevole calo dei fatturati di negozi, ristoranti, cinema ed altre attività.

  • Chiusura di molti negozi o ristoranti; le grandi catene cambiano approccio e cominciano ad adottare strategie volte all'ottimizzazione dei ricavi (anche per mezzo della riduzione del numero dei punti-vendita) con l'obiettivo di tenere aperti solo quelli che registrano buoni fatturati.

 

  • Le difficoltà attraversate dai commercianti e dai ristoratori hanno indotto le amministrazioni di molti centri commerciali ed i proprietari di locali fronte strada ad adottare politiche di prezzo più ragionevoli per cercare di evitare lunghi periodi di sfitto. Sebbene le location più ambite e pregiate per il retail e per lo shopping sia a Mosca che a San Pietroburgo mantengano quotazioni molto elevate, in generale i prezzi per spazi in posizioni di minor passaggio o più periferiche sono indubbiamente scesi.


Fallimento o chiusura di molte società (sia straniere che russe)

 

  • Un gran numero di specialisti stranieri è stato ricollocato dalle rispettive aziende in filiali estere o ha deciso di lasciare il paese di propria volontà.

  • Molte aziende hanno effettuato "tagli" al personale e ridimensionato le superfici degli uffici presi in affitto; altre sono state costrette a chiudere causa fallimento o perché la direzione non ha più ritenuto opportuno  proseguire l'attività.

 

  • Il fatto che molti appartamenti di pregio (che in precedenza erano affittati ad expat che poi hanno dovuto lasciare il paese) siano rimasti sfitti e che la domanda per questo tipo di opzioni oggi sia molto meno numerosa dell'offerta ha indotto i proprietari più saggi a scendere a più miti consigli con le loro aspettative, "riportandoli con i piedi per terra" dopo anni di prezzi iper-gonfiati cui si accompagnavano spesso atteggiamenti a dir poco scostanti da parte di locatori "viziati".

  • Il ridimensionamento o la chiusura di molte aziende hanno fatto finire sul mercato una notevole quantità di uffici e palazzetti indipendenti a destinazione direzionale. Anche qui l'evidente squilibrio tra un'offerta numerosissima ed una domanda piuttosto risicata ha fatto registrare negli ultimi anni una riduzione dei prezzi medi degli uffici che su alcuni segmenti sfiora il 30-40%.

 


Riduzione dei tassi d'interesse applicati dalle banche per i mutui ipotecari

 

/

 

  • La crescente accessibilità dei mutui fa da sostegno al mercato residenziale (sia dei primingressi che non). Dal 2015 ad oggi i tassi d'interesse medi applicati dalle banche russe sono scesi dal 15-17% al 10-11% all'anno, creando delle condizioni inusitatamente vantaggiose per i russi e gli stranieri residenti per l'accesso ai mutui ipotecari.

  • La riduzione dei rendimenti dei depositi bancari (nella maggior parte delle banche oggi depositi in rubli rendono al massimo il 7% all'anno) e la cronica sfiducia dei russi nei confronti degli istituti di credito induce un certo numero di risparmiatori locali a tornare a considerare l'investimento immobiliare (da mettere a reddito) una valida alternativa.


Controsanzioni russe (divieto di importazione di tutta una serie di prodotti agroalimentari provenienti dall'UE)

 

  • Perdita per i produttori italiani soprattutto del settore agroalimentare di un mercato di sbocco fondamentale come quello russo con conseguenti pesantissime ripercussioni economiche sulle aziende stesse e sull'indotto.
     

 

  • Un numero crescente di aziende straniere mostra interesse per la delocalizzazione della produzione alimentare in Russia in modo da eludere il divieto alle importazioni. Tra queste vi sono già diverse aziende italiane o progetti congiunti italo-russi che hanno avviato o potenziato con successo la produzione nel corso degli ultimi 12-18 mesi.
     


Nuova realtà di medio termine (non una semplice "crisi di passaggio")

 

  • Chi deve vendere o affittare un immobile in media deve mettere in conto tempistiche di esposizione molto più prolungate rispetto al passato. Non di rado i proprietari che partono da aspettative di prezzo "anacronistiche" rispetto alla fase attuale, dopo alcuni mesi di tentativi infruttuosi decidono di togliere l'immobile dal mercato "in  attesa di tempi migliori", anziché rivedere le proprie posizioni.

  • Nell'ottica dell'investimento a reddito la fase attuale può implicare periodi di sfitto più prolungati o maggiori difficoltà a trovare inquilini o conduttori affidabili che garantiscano lunghi periodi di locazione ininterrotta e che siano sempre puntuali nei pagamenti.

 

  • Sebbene una percentuale comunque significativa di proprietari non sembri disposta a rassegnarsi ancora alle mutate condizioni (ed al calo delle quotazioni) sul mercato, la maggior parte dei venditori o locatori invece è propensa ad allinearsi alle tendenze attuali e cerca di venire incontro alle posizioni delle controparti (laddove le stesse siano comunque ragionevoli).

  • Stando ai rilevamenti dell'osservatorio statistico immobiliare "IRN" da fine 2014 ad oggi le quotazioni sul segmento residenziale sono scese in media del 20-30%.

  • Gli addetti ai lavori ritengono improbabile  un'inversione di tendenza nei prossimi mesi, e prevedono al contrario un ulteriore calo dei prezzi (seppur non troppo accentuato, ma graduale) soprattutto per quanto concerne gli appartamenti in vendita da privati. La stagnazione dovuta all'eccesso di offerta cui fa da contraltare una domanda più limitata e più attenta al contenimento delle spese potrebbe protrarsi ancora per un paio d'anni.

  • Sul segmento degli uffici l'ampia scelta e le quotazioni davvero appetibili rispetto al passato hanno indotto molte società a programmare di trasferirsi in complessi più centrali o di categoria superiore, in contesti che a causa dei prezzi inarrivabili, in precedenza risultavano appannaggio esclusivo di "pochi fortunati".

 

 


In conclusione credo che si possa dire che oggi n
on sembra esserci più spazio sul mercato russo (indipendentemente dal settore di competenza) per quegli operatori che puntano sulla strategia del "mordi e fuggi" (o, per dirla in altro modo, dell' "arraffa e scappa"): l'esperienza di tante aziende straniere che oggi -contrariamente a quanto sembrano suggerire i presupposti - sono addirittura in espansione, ci insegna che in Russia le più grandi soddisfazioni sono possibili quando c'è una strategia di lungo termine che permetta di trovare anche nelle crisi (o nelle fasi di recessione) la chiave di lettura più corretta e di cogliere così le opportunità migliori.

 

 

Alessandro Alessio
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il mercato delle camere in affitto a Mosca   -   21/09/2017

Scritto da alex on . Postato in Blog

Una soluzione ricercata non solo dagli studenti, ma anche da giovani professionisti e famiglie  


Seppur indiscutibilmente i prezzi degli affitti a Mosca si siano parzialmente ridimensionati negli ultimi 2-3 anni in virtù della crisi, dell'instabilità economica e di un più cauto approccio di molte persone al contenimento delle spese, ancora oggi in generale la capitale resta una città dall'elevato costo della vita e dove i valori medi dei canoni di locazione risultano superiori alla maggior parte dei principali centri urbani europee.

Non sorprende dunque che - come capita anche in altre metropoli nel resto del mondo - non solo giovani o studenti ma anche famiglie e professionisti o comunque persone con un impiego stabile e tendenzialmente ben retribuito, preferiscano optare per una soluzione condivisa con altre persone in zona magari più centrale piuttosto che per l'affitto di un appartamento tutto per sé in quartieri più periferici.

Questo genere di situazioni è molto diffuso non solo tra i russi (soprattutto quelli trasferitisi nella capitale dalle regioni), ma anche tra gli stranieri (di solito quelli a cui l'azienda non copre  i costi per l'alloggio). Anche per questo il segmento in oggetto vanta una domanda sempre vivace e costante.

Ci sono persone che prediligono insediarsi in appartamenti condivisi in quanto la trovano una forma stimolante di confronto e socializzazione con coetanei o individui con interessi simili. In altri casi invece la scelta è dettata piuttosto da ristrettezze economiche che inducono anche interi nuclei familiari ad affittare una stanza e vivere in modo simile a come si faceva in periodo sovietico nelle kommunalki, appartamenti condivisi dove in ogni stanza viveva una famiglia e bagno/i e cucina erano in comune.

Qui di seguito riportiamo una panoramica sul tipo di soluzioni che ci si può aspettare di trovare sulla base del budget a disposizione:

·  Budget da 15.000 a 20.000 RUB/mese (fino a 300 Euro al mese)
Solitamente entro questa fascia di prezzo si può sperare di trovare una stanza anche in buone condizioni in quartieri periferici della capitale, in zone comunque coperte dalla metropolitana. In centro teoricamente è possibile trovare camere in affitto, ma in appartamenti con finiture e mobilio desueti e condivisi con un gran numero di coinquilini.

·  Budget tra 21.000 e 25.000 RUB/mese (da 300 a 350 Euro/mese)
Entro questo tetto massimo di spesa è possibile affittare camere in condizioni dignitose all'interno di appartamenti in posizione semi-centrale (entro 15-20 minuti di metrò dal centro) e entro 10-15 minuti a piedi dalla stazione di metropolitana più vicina.

·  Budget tra 26.000 e 30.000 RUB/mese (da 350 a 420 Euro/mese)
Chi dispone di un budget di questo tipo può sperare di trovare soluzioni in buono stato di conservazione anche nei quartieri più centrali della capitale. Proporzionalmente, fuori dal centro si può puntare anche su camere ristrutturate in appartamenti con arredamento moderno e completamente accessoriati.

·  Budget tra 30.000 e 40.000 RUB/mese (da 420 a 600 Euro al mese)
In questa fascia di prezzo è possibile trovare camere in affitto all'interno di appartamenti ristrutturati  situati nei quartieri centrali di Mosca, in zone molto servite. In alternativa, con un po' di fortuna, si può trovare un appartamentino in affitto in condizioni decenti ma non nuove in posizione periferica ma servita dalla metropolitana.

·  Da 45.000-50.000 RUB/mese in su (da 650 a 700 Euro/mese)
Con esborsi di quest'entità si può già puntare appartamenti indipendenti mono- o bilocali in condizioni dignitose in affitto in zone semi-centrali, inseriti in condomini siti entro 10-15 minuti a piedi dal metrò.

·  Da 55.000 RUB/mese in su (da 750 Euro circa/mese in su)
Questo budget permette di considerare appartamenti mono- o bilocali in condizioni interne molto buone e con arredamento moderno siti in zone centrali (nei quartieri ricompresi all'interno della linea circolare del metrò).

                                                    

Alessandro Alessio
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Sottoscrizione Newsletter

Please answer this question: How many eyes has got an elephant? (ex: 1)
Nome:
Email: